Cart

Manutenzione e Controlli periodici Cappe Chimiche

L’uso in sicurezza delle cappe chimiche

Un corretto uso e un’efficace manutenzione periodica delle cappe chimiche consentono di diminuire il rischio chimico derivante dalle sostanze manipolate.

Le cappe chimiche hanno lo scopo fondamentale di evitare la diffusione di vapori e/o gas riducendo il rischio di inalazione da parte dell’operatore.

  • Prima di iniziare le lavorazioni verificare che la cappa chimica sia in funzione (ad esempio accertarsi che eventuali serrande presenti sulla tubazione siano aperte).
  • Evitare, per quanto possibile, correnti d’aria in prossimità del pannello frontale della cappa chimica (ad esempio apertura di porte e finestre).
  • La zona di lavoro e tutto il materiale in utilizzo nella cappa devono essere posizionati ad una distanza di almeno 20 – 25 cm dall’apertura frontale.

Utilizzare il pannello frontale ad un’altezza di 40 cm rispetto al piano di lavoro; più il pannello frontale è abbassato migliore è la velocità di aspirazione della cappa.

Il piano di lavoro della cappa deve essere mantenuto sempre pulito e ordinato.

All’interno della cappa è necessario detenere i prodotti chimici utilizzati durante il ciclo lavorativo; è assolutamente vietato usare la cappa come deposito.

  • Non disporre il materiale sotto cappa in modo da ostruire il passaggio dell’aria dal pannello frontale.
  • Non utilizzare la cappa come mezzo di smaltimento dei reagenti mediante evaporazione forzata.
  • Se presente non utilizzare il lavandino per smaltire prodotti chimici o rifiuti.
  • Lavorare in piedi o seduti in posizione eretta evitando di sporgersi con la testa all’interno della zona di lavoro.L’uso in sicurezza delle cappe chimiche.

Posizionarsi leggermente scostati dall’apertura frontale al fine di evitare turbolenze.

I comandi remoti di fluidi e le prese elettriche a servizio delle apparecchiature eventualmente presenti all’interno della cappa devono, per quanto possibile, essere esterni alla cabina della cappa stessa.

Le verifiche e la manutenzione periodica delle cappe chimiche

  • La manutenzione delle cappe (di qualsiasi tipo) e dei sistemi di aspirazione in generale richiede particolari precauzioni per prevenire il rischio di esposizione alle sostanze depositate sulle pareti interne dei sistemi di aspirazione.
  • Pertanto la manutenzione è molto importante soprattutto quando vengono utilizzate delle sostanze cancerogene e/o mutagene e altamente tossiche.
  • Le verifiche periodiche sono di competenza dell’Unità Produttiva (Dipartimento).
  • Invece la manutenzione delle cappe è in parte a carico del Settore Tecnico e in parte a carico della stessa Unità Produttiva.

I controlli e le verifiche periodiche principali possono essere:

  • tutte le volte che si usa la cappa, verifica “a vista” della velocità di aspirazione (Operatore)
  • annualmente,
    • verifica e sostituzione dei filtri come previsto dal libretto d’uso e manutenzione (Unità Produttiva);
    • verifica delle tubazioni di scarico (Unità Produttiva);
    • verifica del funzionamento elettrico e meccanico del motore dell’elettroventilatore (Unità Produttiva);
    • controllo delle ore di funzionamento dei filtri (ove possibile) (Unità Produttiva);
    • verifica generale delle parti meccaniche (ad es. pannello frontale, saliscendi,…), delle parti strutturali, dell’impianto elettrico, dei rubinetti e delle lampade UV (ove presenti) (Unità Produttiva);
    • misura della velocità di aspirazione frontale con anemometro secondo il Manuale UNICHIM n°192/3 – Appendice E (Unità Produttiva).

Gli interventi di manutenzione individuati in seguito alle suddette verifiche e riguardanti i seguenti impianti:

  • motore dell’impianto di aspirazione se non è già compreso nella attrezzatura stessa;
    tubazione dell’impianto di espulsione; sono a carico del Settore Tecnico.

Mentre invece gli interventi di manutenzione relativi ai seguenti componenti e impianti:

  • parti strutturali (ad es. pannello frontale, saliscendi, ripiano interno, pannelli laterali,…);
  • motore dell’impianto di aspirazione se compreso all’interno dell’attrezzatura;
    filtri;
  • rubinetti, lampade, impianto elettrico e altri comandi compresi all’interno o nei pannelli frontali della attrezzature; sono a carico delle Unità Produttive.

L’efficienza di una cappa chimica dipende, in larga parte, da una buona velocità di aspirazione frontale.

La velocità di aspirazione frontale è, inoltre, uno dei parametri determinanti per il tipo di operazioni e per le sostanze da manipolare all’interno della cappa stessa.

Le verifiche e la manutenzione periodica delle cappe chimiche.

Alla luce di tali considerazioni si è provveduto ad classificare le cappe chimiche come previsto nel Manuale UNICHIM n° 192/3.

  • v <0,4 m/s, Cappa non idonea per alcun tipo di sostanza pericolosa. Da sottoporre a manutenzione.
  • 0,4 ≤ v <0,5m/s, cappa idonea per sostanze a bassa nocività , ossia con TLV>100ppm – Gruppo 1
  • 0,5 ≤ v <0,7m/s, cappa idonea per sostanze a media nocività , ossia con 1ppm ≤ TLV ≤ 100ppm – Gruppo 2
  • 0,7 ≤ v<0,85m/s, cappa idonea per sostanze ad elevata nocività , ossia con TLV<1ppm – Gruppo 3

v = velocità di aspirazione frontale della cappa chimica misurata posizionando il pannello frontale ad altezza di 40 cm rispetto al piano di lavoro

TLV – TWA = Valore limite di soglia – media ponderata nel tempo Concentrazione media ponderata nel tempo (8 ore) al la quale si ritiene che gli operatori possano essere esposti se nza effetti negativi.

Le sostanze chimiche a cui viene associato il TLV n on rappresenta la totalità delle sostanze classificate come pericolose. Per questo motivo i gruppi di appartenenza delle sostanze chimiche vengono identificati tramite la tossicità delle sostanze chimiche in funzione delle frasi di rischio “R” le quali stabiliscono in modo sintetico la natura dei pericoli riportati sui prodotti. Identificazione della tossicità delle sostanze in funzione delle frasi di rischio “R”.

Per la misura della velocità di aspirazione con anemometro nelle cappe chimiche si individuano come punti in cui effettuare le misure quelli costituenti una griglia posizionata nel piano di scorrimento del pannello frontale determinati dalle intersezioni di linee ideali verticali ed orizzontali così individuate:

I valori così ottenuti devono essere riportati in una scheda di manutenzione specifica per ogni cappa chimica. Tale scheda di manutenzione deve essere disponibile nelle vicinanze della cappa chimica. Le verifiche e la manutenzione periodica delle cappe chimiche.

Le cappe chimiche devono essere conformi alla norma tecnica UNI EN 14175.

La cappa chimica occorre che sia dotata della dichiarazione di conformità alla norma UNI EN 14175 e della marcatura CE; tale dichiarazione deve contenere anche la conformità dello strumento dell’indicatore del flusso di aria.